Barcolana, varato un nuovo percorso

[singlepic id=1876 w=300 h=204 float=left]Barcolana – Trieste – Manca un solo mese alla Barcolana di Trieste, in programma il prossimo 11 ottobre 2009 alle 10 del mattino, preceduta da una intera settimana di eventi collegati, a terra e in mare. In attesa di sapere quali saranno i cantanti di Barcolana Festival, il cui annuncio è atteso a giorni, è già grande successo per il nuovo evento infrasettimanale, la Sail Trieste. L’evento ospiterà numerose sfide, a partire da quelle tra monotipi Meteor e monotipi Ufo. Intanto, gli organizzatori annunciano una piccola modifica al percorso di regata, che permetterà di garantire maggiore sicurezza ed evitare antisportivi “tagli di boa”.

Modifiche al percorso
Gli organizzatori della Barcolana hanno deciso di modificare il percorso della regata, la novità riguarda il breve lato di disimpegno. E’ stata modificata, nel dettaglio, la lunghezza e il posizionamento del lato di disimpegno Boa 1 – Boa 2: da 0,3 miglia nautiche il lato è stato portato a 0,6 miglia nautiche, e la nuova rotta da Boa 1 per Boa 2 è di 290 gradi, al posto di 315. In conseguenza di questa modifica, cambia leggermente la rotta Boa 2 – Boa 3 (direzione 006 gradi al posto di 004 gradi) e la lunghezza complessiva del percorso, che arriva a 16,8 miglia nautiche rispetto alle 16,5.

“La modifica – ha spiegato il direttore sportivo della Società velica di Barcola e Grignano, Daniele Robba – segue la nostra volontà di lavorare per la sicurezza degli equipaggi, necessaria in un evento con così tante barche. La lunghezza del lato breve di disimpegno è stata aumentata per separare con decisione gli scafi che navigano alla fine del primo lato e quelli che si dirigono dopo Boa 2 verso Miramare. Il nuovo posizionamento di Boa 2 permette anche, in particolare in condizioni di vento di Bora, di rendere più agevole la manovra di cambio vele da poppa a bolina, permettendo, lungo il disimpegno, di navigare ancora al traverso per dover stringere di bolina poi al passaggio di Boa 2”.

La modifica permetterà, indirettamente, anche di evitare che qualche “furbo” tagli il passaggio alla Boa 1 per recarsi direttamente alla Boa 2, come segnalato in passato da alcuni equipaggi che pur avendo superato barche al primo lato, se le sono invece ritrovate davanti subito dopo Boa 2.

Chi c’è già al via
Le iscrizioni inizieranno formalmente solo a fine settembre, ma come da tradizione non mancano, soprattutto tra gli scafi che vengono da più lontano, le preiscrizioni: in linea con gli scorsi anni, sono circa 60 gli equipaggi che hanno regolarizzato la propria presenza, completando l’intera procedura di iscrizione per posta elettronica. Intanto, la prima conferma che conta è quella di Mitja Kosmina: finalmente “libero” da Alfa Romeo, Kosmina ha confermato la presenza di Maxi Jena, che scenderà in mare a partire da questo fine settimana per una serie di allenamenti che comprenderanno tre regate: la Diplomatica di Capodistria, la Due Castelli e il Trofeo Bernetti.

Confermato l’equipaggio: “Veniamo con lo spirito di sempre – ha detto Kosmina – poco importa che non ci sia uno storico avversario, saremo a Trieste con grande determinazione”.

Anche Idea Vitrani, con l’Xtreme Sailing Team ha confermato la propria partecipazione: il team sarà guidato da Gabriele Benussi: “Lo scorso anno abbiamo chiuso in ventesima posizione – ha detto uno dei team manager, Alessandro Linussi – la barca non era ottimizzata per poco vento. Abbiamo vinto questa estate la Palermo Montecarlo navigando quasi sempre in bonaccia, grazie a vele più adatte a quelle condizioni. Insomma, vogliamo far vedere come siamo in grado di navigare”.

Sail Trieste
E’ già un successo Sail Trieste, il nuovo evento che occuperà la settimana in attesa della Barcolana. Si tratta di una serie di sfide aperta a quanti vogliono misurarsi in una sfida al largo di piazza Unità. La particolarità di questa manifestazione è che si tratta di una regata aperta, nel senso che, nel pieno spirito della Barcolana, chiunque con qualsiasi barca può presentarsi alla Svbg e sfidare il proprio avversario nei giorni 7–9 ottobre. Si possono organizzare sfide a due, tre, anche dieci e più imbarcazioni: la Svbg costruirà poi, sulla base delle richieste, regate “personalizzate”. Ogni sfidante, con i propri avversari avrà a disposizione un comitato di regata, una giuria, verranno posizionate le boe, e si organizzerà anche, nel contesto della Barcolana, la premiazione. Insomma, una serie di regate «fai da te», per permettere a quanti vogliono sfidare in un «téte a téte» il proprio vicino d’ormeggio, il velista con la barca identica alla propria o il proprio avversario di sempre. Alcune sfide sono già avviate: si tratta di una regata completamente dedicata agli iscritti alla Lega Navale di Trieste, che organizzeranno una sfida in occasione del 90° anniversario del loro sodalizio, una regata tra i monotipi Ufo (che si completerà poi con la Barcolana di notte, storicamente a loro dedicata) e un grande evento dedicato ai Meteor. Chiunque volesse sfidare il proprio avversario (dopo averlo contattato, ovviamente) può mettersi in contatto con la segreteria della Svbg.

Per condividere l’articolo…

0 Commenti

Commenta questo articolo per primo

Lascia un commento