Statistiche siti
Vendée Globe, PRB si ritira mentre Banque Populaire è sempre leader Vendée Globe, PRB si ritira mentre Banque Populaire è sempre leader
La settima edizione del Vendée Globe è da oggi un po' più povera. La regata in solitario per eccellenza ha infatti perso uno dei... Vendée Globe, PRB si ritira mentre Banque Populaire è sempre leader


Les images des dégâts sur PRB di VendeeGlobeTV


Second week’s highlights di VendeeGlobeTV

Oceano Atlantico – La settima edizione del Vendée Globe è da oggi un po’ più povera. La regata in solitario per eccellenza ha infatti perso uno dei protagonisti indiscussi: Vincent Riou si è ritirato a causa dei danni riportanti dal suo PRB nella collisione con una grande boa metallica alla deriva.

Ma andiamo per gradi e raccontiamo i fatti. Erano circa le 5.00 di ieri mattina – le 6.00 nostrante – quando lo skipper francese, in quel momento componente del gruppo di testa a circa 550 miglia dalle coste brasiliane, ha sentito il suono inconfondibile di qualcosa che entrava in contatto con il suo IMOCA 60. Una volta in coperta, Riou ha notato una grande boa metallica semisommersa allontanarsi nella scia della barca: “Era una di quelle boe che trovi nei porti commerciali: credo fosse in acqua da moltissimo tempo, perchè era semi affondata e in pessime condizioni“. Senza perdere tempo, lo skipper di PRB, uno degli scafi più nuovi e competitivi dell’intera flotta, ha verificato le condizioni della barca, scoprendo una zona delaminata lunga circa un metro e mezzo nel mascone di dritta e la parziale rottura di uno dei tiranti in carbonio che garantiscono la tenuta dell’outrigger.

Dando nuova prova della sua incrollabile determinazione, Riou si è messo in contatto con lo shore team e con lo staff tecnico per pianificare una riparazione in mare. Se i danni allo scafo sono parsi tutto sommato risolvibili, altrettanto non è stato per il problema registrato dal tirante: “Dopo essermi confrontato con i miei tecnici ho capito che non ci sono soluzioni praticabili: il tirante deve essere sostituito e non è possibile farlo in mare. Del resto è impensabile di lanciarsi verso il grande sud consapevole di un danno del genere: sarebbe a rischio la sicurezza mia e della barca. Mi dispiace davvero moltissimo dover prendere questa decisione e mi rammarica dare una delusione ai miei sponsor che mi seguono da ormai dieci anni, ma si sa che durante una regata come il Vendée Globe incidenti del genere possono capitare: questa volta è toccato a me. Ora navigo in sicurezza verso Salvador de Bahia dove conto di arrivare in due-tre giorni“.

Già nella precedente edizione della regata Vincent Riou era stato costretto al ritiro, ma in quel caso il solitario francese pagò caro un gesto di grandissima marineria: ricevuto il mayday di Jean Le Cam, finito scuffiato a circa 200 miglia da Capo Horn, lo skipper di PRB non esitò a tornare indietro per raggiungere il collega che, nel frattempo, era rimasto chiuso all’interno del suo IMOCA 60 rimasto senza bulbo. Nel corso delle operazioni di recupero, Riou danneggiò una delle sartie, compromettendo la stabilità dell’albero che, a distanza di poche ore dal salvataggio di Le Cam, si spezzò finendo in mare. Ritiratosi in corrispondenza della terra del fuoco, Riou, anche in quel caso in lotta per una posizione di prestigio, venne classificato terzo a pari merito dalla Giuria Internazionale che accolse senza riserve la sua richiesta di riparazione.

Intanto nulla è cambiato in testa alla regata: agganciato l’Aliseo, Banque Populaire continua a indicare la via al resto della flotta. Armel Le Cléac’h viaggia con una sessantina di miglia di vantaggio rispetto alla coppia formata da Francois Gabart (Macif) e Jean Pierre Dick (Virbac Paprec 3), localizzata leggermente più verso ovest rispetto al battistrada. In quarta posizione resiste Bernard Stamm (Cheminées Poujoulat), scivolato per ora a 125 miglia dal leader.

Per seguire la regata tramite il tracking clicca qui.

Per visitare il sito della regata clicca qui.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *