Statistiche siti
Penultima prova per l'Invernale Golfo del Tigullio, domenica prossima nelle acque di Lavagna. Già nove prove in archivio per la trentottesima edizione, guidata da...

Lavagna – Penultima prova per l’Invernale Golfo del Tigullio, domenica prossima nelle acque di Lavagna. Già nove prove in archivio per la trentottesima edizione, guidata da Low Noise (ORC), Chestress 3 (IRC) e Montpres (Libera). La prossima potrebbe essere una giornata decisiva per l’assegnazione del successo in molte classi, tenendo presente che domenica 23 febbraio, per regolamento, non si potrà svolgere più di una prova. Chestress 3 comanda nell’ORC 2, tenendo a debita distanza Capitani Coraggiosi (Felcini, Santoro) e Bel Rebelot (Sergio Brizzi). L’ORC 3 vede protagonista Low Noise, primo davanti a Sea Whippet e Aia de Ma (Luca Olivari). Celestina 3 (Francesco Campodonico) ha mantiene salda la sua leadership nelll’ORC4, inseguita da Brainstorm (Stefano Mosca) e Tomira (Francesco e Mietta Gandolfi). Nell’IRC 2 in testa sempre Chestress 3 su Capitani Coraggiosi e Tinker Bell (Marco Loberto). Nell’IRC 3 prevale ancora Sea Whippet nel confronto con Lunatica II (Domenico Vercellotti) e Bel Rebelot (Sergio Brizzi). Celestina 3 padrona dell’IRC 4 dove inseguono Brainstorm e Tomira. Il vantaggio di Montpres in classe Libera è sempre rilevante anche El Chico (Daniele Fogli) ed Ochin de Ma (Davide Carissimi) venderanno cara la pelle sino all’ultima prova.

Tutto sta procedendo benissimo, abbiamo ancora a calendario due week end con la chiusura del prossimo 23 febbraio. Chi vincerà? Chestress 3, Low Noise e Celestina 3 hanno ottime chance, è ancora tutto da vedere e domenica potrebbe già esser decisiva per molte classi – afferma l’organizzatore Franco Noceti – Sicuramente l’Invernale è uno degli eventi che valorizza il Tigullio creando quell’indotto che serve ai nostri albergatori e commercianti per tenere vive le attività nei mesi invernali“. Il meteo per domenica: “Questa volta ho deciso di non guardare le previsioni: ci attendiamo condizioni molto variabili a seconda della velocità della perturbazione“.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *